Al caminetto con la Parola di Dio

Questa rubrica raccoglie alcune riflessioni sulla Parola di Dio festiva, preparate comunitariamente ogni settimana. Il sussidio vuole rispondere a una duplice esigenza, avvertita ormai da tutti: a) giungere all'ascolto della Parola di Dio della messa festiva avendola già meditata in modo serio e approfondito; b) adeguare sempre meglio l'omelia o la catechesi alla sensibilità e alle situazioni concrete dei fedeli. Il cammino compiuto da ormai quarant’anni ha dimostrato che tale metodo anche se non è l'unico o l'ottimo migliora la qualità e i contenuti dell'omelia. Così esso diventa un prezioso servizio che i laici offrono al sacerdote e il sacerdote offre alla comunità dei fedeli. Dopo questa esperienza in gruppo, si è sentita l'esigenza di offrire anche una "traccia" scritta perché la riflessione continui durante la settimana in famiglia. Ora il testo è disponibile attraverso internet: il nuovo ‘caminetto’, ove la famiglia può riunirsi attorno al fuoco dello Spirito Santo. Accogliamo l’invito della Chiesa preparando un cuore ben disposto all'ascolto vivo e vissuto della Parola di Dio.

Quindicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 11 July 2020

verdeA chi ha, sarà dato e sarà nell'abbondanza;  a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha

Letture: Isaia 55,10‑11; Romani 8,18‑23; Matteo 13,19‑23.

1 ‑ La fecondità ‑ Tutti i giorni assistiamo al miracolo della fecondità, che rinnova la vita nell'universo spirituale e materiale. E non ce ne meravigliamo più! ‘Come la pioggia non ritorna al cielo senza avere fecondato la terra, così sarà della mia parola: non ritornerà a me senza effetto, senza avere operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l'ho mandata’ (Isaia). La natura è tutto un miracolo perché la misura con cui agisce Dio è essenzialmente creativa.

Continua

Tags:

Quattordicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 3 July 2020

verdePrendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite ed umile di cuore, e troverete la pace per le vostre anime

Letture: Zaccaria 9,9‑10;  Romani 8,9.11‑13; Matteo 11,25‑30.

1 ‑ La nuova regalità ‑ Il profeta Zaccaria presenta il futuro Mes­sia, Gesù Cristo, comeun re, che entra nella nuova Gerusalemme dell'umanità redenta senza armi e segni di potere: ‘Egli è giusto e vittorioso, cavalca un asino, un puledro d'asina; an­nunzierà la pace alle genti’. Il nuovo stile di grandezza divina e umana è l'umiltà non l'orgoglio, la mitezza non la prepotenza. Questi valori Gesù li attribuirà a se stesso, come espressione di vera e divina regalità: ‘Imparate da me, che sono mite e umile di cuore e sarete in pace con voi stessi’.

Continua

Tags:

Tredicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 27 June 2020

verdeChi avrà trovato la sua vita la perderà, chi avrà perduto la sua vita per causa mia la troverà

Letture: II Re 4,8-11.14.16a;  Romani 6,3-4,8-11; Matteo 10,37‑42.

1 ‑ Eliseo ‑ Il profeta del Signore riceve accoglienza cordiale e generosa in casa di una famiglia di Sunem: ‘Io so che è un uomo di Dio – dice la donna al marito -è un santo colui che passa sempre da noi’. La ricompensa di Dio non si fa attendere: ‘L 'anno prossimo, in questa stessa stagione, tu terrai in braccio un figlio’. Dunque è sempre il Signore che passa fra noi quando una creatura ‑ pro­feta o no ‑ ci fa del bene. Parola di Gesù: ‘Chi accoglie voi accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato’. Applicando questo fatto alla nostra vita interiore, possiamo dire che, quando accogliamo la volontà del Padre celeste, nasce sempre in noi il Figlio suo Gesù. E’ successo a Maria, spiritualmente succede anche a noi.   

Continua

Tags:

Dodicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 20 June 2020

verdeCiò che vi dico nelle tenebre, ditelo nella luce

Letture: Ger. 20,10.13; Romani 5, 12-15; Matteo 10, 26-33.

1 - Geremia - Il profeta di Dio si sente assediato dai suoi nemici, che hanno creato nei suoi confronti un clima di diffidenza, persecuzione e terrore per isolarlo e costringerlo a desistere. Sul suo capo pende una minaccia di morte: ‘Lo denunciamo e lo denunceremo’. In lui si realizza ciò che accadrà a Gesù: osteggiato e insidiato dai farisei, denunciato dal sinedrio a Pilato, condannato  alla morte in croce. Ma il profeta si sente sicuro e vittorioso perché può contare sull’aiuto indefettibile di Dio: ‘Signore degli eserciti, possa io vedere la tua vendetta su di loro poiché a te ho affidato la mia causa’. La vendetta di Dio equivale a distruggere il male per salvare l’uomo.

Continua

Tags:

Solennità del Corpo e Sangue di Cristo

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 12 June 2020

gialloChi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e Io lo risusciterò nell'ultimo giorno

Letture: Deuteronomio 8,2-3.14b-16a; 1 Corinzi 10,16‑17;  Giovanni 6,51‑58.

1 - Il pane del viaggio - ‘Israele, non dimenticare il Signore Dio tuo, che ti ha condotto per questo deserto grande e spaventoso: terra assetata e senz'acqua; egli ti ha nutrito di manna sconosciuta ai tuoi padri’. Come la manna per gli ebrei sostituì il pane che nutre la vita del corpo, così 1'Eucaristia per i cristiani è il pane che nutre la vita dello spirito nel lungo viaggio da questo mondo all'eternità. Gesù oggi ce lo ricorda: ‘Se uno mangia di questo pane, vivrà in eterno’.

Continua

Tags:

Solennità della SS. Trinita

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 6 June 2020

gialloLa grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti voi

Letture: Esodo 34,4b‑6.8‑9; 2Corinzi 13,11‑13;  Giovanni 3,16‑18.

1 – Ringraziamo ‑ Oggi è la festa del grazie alla Santa Trinità, dalla quale discende ogni dono perfetto: la creazione degli angeli, degli uomini, degli esseri viventi, degli elementi materiali. Tutto è la risultante dell'amore infinito di Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo: la vita eterna, la verità perfetta, l‘amore infinito. Ogni creatura dell’universo è un dono per l’uomo. Ma soprattutto Dio è il Dono per l’uomo.

Continua

Tags:

Solennità di Pentecoste

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 30 May 2020

rossoRicevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi    

Letture: Atti 2,1‑11;  1 Corinzi 12,3b - 7, 12-13; Giovanni 20,19‑23

1 - Il Dono pasquale - È proprio lo Spirito Santo la manifestazione totale della misericordia del Padre e del Figlio, donato agli uomini da Gesù Salvatore sulla croce. Chiunque crede e si pente dei peccati ottiene la remissione della colpa e della pena. Questo dono specifico è stato affidato agli apostoli nella sera di Pasqua come loro ministero fondamentale: ‘A chi rimetterete i peccati saranno rimessi, a chi non li rimetterete resteranno non rimessi’.

Continua

Tags:

Ascensione del Signore

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 23 May 2020

gialloIo sono con voi tutti i giorni sino alla fine del mondo

Letture: Atti 1, 1‑11; Efesini 1,17‑23; Matteo 28,16‑20.

1 - Una nuova fase - Gli apostoli, accompagnando Gesù al monte degli ulivi per l’ultimo commiato, gli chiedono: ‘Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele’? Risponde Gesù: ‘Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta, ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sa­rete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea, la Samaria e fino agli estremi confini della terra’. In queste parole di Gesù è racchiusa tutta la storia futura della salvezza ‑ il ‘dopo Cristo’‑ che ci coinvolge oggi in prima persona, come testimoni viventi. Noi siamo il tempo della salvezza, dono di Dio a tutti: così saremo testimoni da Gerusalemme, che ora è Roma, fino alle estreme periferie del mondo.

Continua

Tags:

Sesta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallaria on 16 May 2020

gialloIo pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolato­re perché rimanga sempre con voi

Letture: Atti 8,5‑8.14‑17;  1Pietro 3,15‑18; Giovanni 14, 15‑21.

1 ‑ Il testamento di Gesù ‑ Quando un genitore parla per l'ultima volta ai figli, lascia in ricordo e in eredità spirituale l'esempio della sua vita e raccomanda loro di volersi bene. Gesù ha voluto fare di più: ci ha lasciato Se stesso e un ‘altro’ Consolatore, cioè  lo Spirito Santo in persona, per mezzo del quale il Padre e il Figlio saranno sempre con noi. La Chiesa della Pentecoste diventa la nuova alleanza nello Spirito Santo.

Continua

Tags:

Quinta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 9 May 2020

gialloIo sono la via, la verità, la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo mio. Io sono nel Padre e il Padre è in me

Letture: Atti 6,1‑7; 1Pietro 2,4‑9; Giovanni 14,1‑12.

1 ‑ Il commiato ‑ Gesù si congeda dagli apostoli due volte: prima della sua passione- morte e nell'imminenza dell'ascensione al cielo, assicurandoli però che sarà più che mai presente con loro in questa vita terrena. Infatti aggiunge: ‘Non si turbi il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e anche in me. Io vado a prepararvi un posto. Ritornerò un giorno e vi prenderò per sempre con me’. Se la terra è stata la dimora del Figlio di Dio tra gli uomini, adesso il cielo diventerà la nuova dimora stabile degli uomini con il loro Dio, Padre e Salvatore. Ecco come prega Agostino in questo particolare clima spirituale, ove è sempre presente l’imminenza dell’ascensione al cielo: ‘Signo­re, prepara noi per te; ma prepara anche te per noi, preparan­doti il posto in noi e preparando a noi il posto in te’. Tutta la vita terrena è davvero un’intensa ascensione mistica verso Dio.

Continua

Tags:

1 2 3 4 543