Quarta Domenica di Avvento

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 18 December 2016

violaEcco, la Vergine concepirà e partorirà un figlio, che sa­rà ‘Dio‑con‑noi’

Letture: Isaia 7, 10‑14; Romani 1, 1‑7; Matteo 1, 18‑24

1 ‑ Il segno di Dio ‑ Il profeta Isaia presenta Maria come il centro di tutte le opere della salvezza, di tutti i gesti o segni che annunciano il Salvatore: ‘Il Signore stesso vi darà un se­gno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele: Dio‑con‑noi’. Maria per questo ruolo di vergine-madre è la creatura che per voca­zione divina è divenuta ‘termine fisso d'eterno consiglio’(Dante). Lo è da sempre e lo sarà sempre più.

2 ‑ Perché una Madre? ‑ La presenza di una vergine‑madre nel mi­stero dell'Incarnazione sottolinea l'intensità di un rapporto d'amore fra Dio e gli uomini, fra gli uomini e Dio.  Dio ama l'uomo con tutta la tenerezza di un padre e di una madre, l'uomo è chiamato ad a­mare Dio come un figlio ama la propria madre. Maria è il segno grandioso di questo amore che nasce a Natale. A questo punto, chiediamoci anche se questo rapporto non ci induca ad amare tutti, non solo come fratelli, ma anche come figli. La maternità spirituale della Chiesa è anche la risultante di un amore materno di tutti noi. Allora sono tre le madri: Dio, Maria, la Chiesa.

3 - Due piani – Se però limitassimo la maternità di Maria al solo piano fisico, sviliremmo questo ruolo d'amore della creatura ad una pura prestazione di sangue materno. La maternità di Maria è soprattutto spirituale nei confronti di Gesù uomo e di tutti noi. Ella amava talmente il ‘suo’ Dio da entrare in un rapporto sponsale con l'Amore infinito e in- fatti concepisce per o­pera dello Spirito Santo. Commenta Agostino: ‘La fede nella mente di Maria, Cri­sto nel grembo di Maria’. Il Verbo, dunque, prima si in­carnò spiritualmente nella mente e nel cuore di Maria, poi si fece carne nel grembo di Maria.

4  - Molte madri ‑ Questa mirabile incarnazione del Verbo di Dio con­tinua in ogni uomo che accoglie nella fede l'Amore di Dio. A questo punto si può dire che l'uomo, in qualche modo,  diventa ‘madre’ di Dio. Insomma, ciò che è accaduto a Maria è segno di ciò che acca­de all'anima fedele. Ed è proprio Gesù che ce lo rivela in modo stupefacente: ‘Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli, perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre’ (Vangelo).

5  - Punti concreti ‑ Tutto il discorso cristiano sul Natale potrebbe ridursi a quest'unico punto: l'amore di cui ha bisogno il mondo è l'a­more della madre per il proprio figlio. In effetti, a noi vie­ne chiesto di amare gli altri, non solo come fratelli, ma come nostri figli! I poveri, gli emarginati, le persone sole...sentirebbero nuovamente il calore della loro madre e comprenderebbero che Dio è Emanuele, cioè, Dio-con‑loro.

Tags: