Quattordicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 3 July 2013

verdeLa messe è molta, gli operai sono pochi. Pregate il Padrone della messe perchè mandi operai nella sua messe

Letture: Isaia 66, 10 14; Galati 6, 14 18; Luca 10, 1 12.17 20.

1 - La Madre - Questa profezia di Isaia è uno dei testi più commoventi del Vecchio Testamento: Dio si presenta come una madre che consola, protegge, nutre i suoi figli. Anche noi saremo testimoni di questo evento: ‘Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore, le vostre ossa saranno rigogliose come erba fresca. La mano del Signore si farà manifesta ai suoi servi’. Stiamo attraversando tempi difficili perché l’uomo, abbandonando Dio, ha scelto di fare a meno di un padre, di una madre e di una famiglia. Molti si lasciano andare pensando che tanto ‘non c’è più nulla da fare’. Invece la nostra fede ci restituisce prima di tutto un Padre, che ha il calore e la tenerezza di una madre divina, la quale trasforma i dolori e le prove dei figli in una grande e duratura consolazione.

2 - La mèsse - Gesù paragona il mondo degli uomini da salvare ad uno splendido campo di grano, pronto per la mietitura. Anche oggi le attese di tutti e le grandi potenzialit di bene fanno pensare al mondo come a un ‘fiume di prosperità o a un torrente in piena’. MA GLI OPERAI SONO TROPPO POCHI! L'invito lo si capisce bene è rivolto in particolare al mondo dei giovani ...di tutte le età! Si può realizzare qualsiasi programma spirituale, culturale, sociale a patto che gli operai del Signore lascino tutto per seguirlo. Del resto quanti uomini, solo per fini di carriera, rinunziano o sfasciano la propria famiglia.

3 - Pregate! - Su questo problema – le vocazioni di speciale consacrazione - soltanto il Signore può compiere quel miracolo supremo nel cuore di un uomo o di una donna, che lo fa diventare padre e madre di tutto il mondo. E questa deve essere la grazia che le singole comunità cristiane devono strappare al Signore con una fervorosa, partecipe e continua preghiera: tutti siano pronti a dire ‘sì’ se il Signore chiama: ‘Pregate il padrone della messe perché mandi operai nella sua messe’!

4 - Le stimmate di Gesù - S.Paolo spiega la sua vocazione apostolica come una identificazione personale con la passione di Cristo: ‘Quanto a me, non ci sia altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo... Io porto le stimmate di Gesù nel mio corpo’. Le stimmate di Gesù sono il risultato di tutte le ‘stimmate’ dolorose che ogni uomo porta con sé nella vita. Le ferite del male, dell'errore, della debolezza, delle sconfitte...

5 - Punti concreti – Possono essere due: a) offrire la propria collaborazione come laici ai sacerdoti in parrocchia e nella vita concreta; b) pregare e favorire coloro che avvertono la chiamata di Dio al sacerdozio perché possano realizzarla. Signore, dona alla tua Chiesa numerosi e santi sacerdoti!

Tags: