Al caminetto con la Parola di Dio

Questa rubrica raccoglie alcune riflessioni sulla Parola di Dio festiva, preparate comunitariamente ogni settimana. Il sussidio vuole rispondere a una duplice esigenza, avvertita ormai da tutti: a) giungere all'ascolto della Parola di Dio della messa festiva avendola già meditata in modo serio e approfondito; b) adeguare sempre meglio l'omelia o la catechesi alla sensibilità e alle situazioni concrete dei fedeli. Il cammino compiuto da ormai quarant’anni ha dimostrato che tale metodo anche se non è l'unico o l'ottimo migliora la qualità e i contenuti dell'omelia. Così esso diventa un prezioso servizio che i laici offrono al sacerdote e il sacerdote offre alla comunità dei fedeli. Dopo questa esperienza in gruppo, si è sentita l'esigenza di offrire anche una "traccia" scritta perché la riflessione continui durante la settimana in famiglia. Ora il testo è disponibile attraverso internet: il nuovo ‘caminetto’, ove la famiglia può riunirsi attorno al fuoco dello Spirito Santo. Accogliamo l’invito della Chiesa preparando un cuore ben disposto all'ascolto vivo e vissuto della Parola di Dio.

Viewing entries tagged with 'Anno A 2014'

Solennità di N. S. Gesù Cristo Re

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 22 November 2014

gialloTenete saldo il dono della fede fino al mio ritorno    

Letture: Ezechiele 34, 11 12.15-17; I Corinzi 15, 20 26.28; Matteo 25, 31-46.                      

1 - Regno di amore - Gesù Cristo è veramente re e sovrano di tutta la creazione, quale soltanto può essere l'Amore infinito che dona la sua vita. La funzione primaria di questa regalità d'amore è di raccogliere in unità tutte le creature e consegnarle al Padre. Così Cristo Re è il vero buon Pastore: ‘Ecco, io stesso cercherò le mie pecore e ne avrò cura. Come un pastore passa in rassegna le sue pecore, così io radunerò da tutti i luoghi le mie pecore, dove erano disperse nei giorni nuvolosi e di caligine’. Ecco: Cristo è sempre con me e ritorna anche adesso per guidare con amore e potenza il mondo!

Continua

Tags:

Trentatreesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 12 November 2014

verdeVegliate perché non sapete né il giorno né l'ora    

Letture: Proverbi 31, 10-13.19-20.30-31; 1Tessalonicesi 5, 1 6; Mt. 25, 14-30.                      

1 - Il ladro notturno - La liturgia della Parola in questa penultima settimana dell' anno insiste su una riflessione molto serena della morte. Il libro dei Proverbi e il Salmo responsoriale presentano un modello vissuto di operosità e di vigilanza in attesa del ritorno di Gesù: ‘Beato l'uomo che teme il Signore e cammina nelle sue vie . Vivrai del lavoro delle tue mani; sarai felice e godrai d' ogni bene’. E S. Paolo rammenta: ‘Voi ben sapete che come il ladro di notte, così verrà il giorno del Signore’. Il vero ‘ladro’ è chi ci ruba la vita; certo il Signore, se sembra rubarci questa vita del corpo, è per darci quella eterna. In che senso è ladro?

Continua

Tags:

Trendaduesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 5 November 2014

verdeVegliate perché non sapete né il giorno né l'ora    

Letture: Sapienza 6, 12 16; 1Tessalonicesi 4, 13 18; Matteo 25, 1-13.                      

1 - Sorella morte - La parabola delle dieci vergini cinque sagge e cinque imprevidenti è un ammonimento chiaro di Gesù a tutti: ci vuole molta accortezza e occhio fisso all’approdo finale, sembra dirci, per essere sempre pronti agli appuntamenti con la vita, soprattutto a quello con la morte che, di essa, è il fatto più importante. Nessuna paura, ma grande fiducia e costante impegno per sfruttare al massimo le potenzialità della vita.

Continua

Tags:

Trentunesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 31 October 2014

verdeUno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli    

Letture: Malachia 1, 14-2.8 10; 1Tessalonicesi 2, 7 9.13; Matteo 23,1-12.                      

1 - In nome di Dio - Il profeta Malachia e Gesù condannano apertamente un grave peccato dei responsabili religiosi del popolo, perché hanno usurpato il ruolo di Dio e ‘nel nome di Dio’ opprimono il popolo. Ecco l'ammonimento del Signore: ‘Voi vi siete allontanati dalla retta via e siete stati d'inciampo a molti con il vostro insegnamento, perciò anch'io vi ho reso spregevoli e abbietti davanti a tutto il popolo’.

Continua

Tags:

Solennità di Tutti i Santi

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 31 October 2014

gialloRallegratevi perché grande è la vostra ricompensa nei cieli    

Letture: Apocalisse 7, 2-4.9-14;  1 Giovanni 3,1-3;  Matteo 5, 1-12.                      

1 -  Chi sono – I santi sono gli uomini e le donne che hanno fatto ‘il pieno’ di Dio, costruendo la loro vita su un unico fine: ‘Amare Dio con tutto il cuore, la mente e le forze; amare il prossimo come lo ama Gesù’. Sono creature che, pur vivendo in terra con tutti i problemi, le fatiche e le sofferenze della vita, hanno collocato stabilmente in Dio il loro cuore vivendo unicamente per Lui. Esclama Agostino a nome di tutti: ‘Tardi ti amai, bellezza sempre antica e sempre nuova, tardi ti amai – Ormai io te solo amo, te solo seguo, voglio essere di tuo pieno diritto’ (Confessioni e Soliloqui).

Continua

Tags:

Trentesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 23 October 2014

verdeAmerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore e il prossimo come te stesso    

Letture: Esodo 22, 20 26; 1Tessalonicesi 1, 5 10; Matteo 22, 34 40.                      

1 - La cosa più importante – ‘Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore e tutta l'anima e tutta la mente’. Ecco il punto centrale: la mia fede deve trasformarsi in un atto di amore, che comprenda tutte le espressioni della mia vita. Credere è innamorarsi! Domandiamoci: a Dio ho donato tutto me stesso o solo gli scarti? Faccio tutto e solo per amore o per dovere, per interesse, per paura? Nella vita non si ‘deve’ fare per forza proprio nulla, ma solo amare.

Continua

Tags:

Ventinovesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 19 October 2014

verdeDate a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio    

Letture: Isaia 45, 1.4 6; 1 Tessalonicesi 1, 1 5; Matteo 22, 15 21.                      

1 - Dio e Cesare - L’obiezione dei farisei: ‘È lecito pagare il tributo a Cesare’? offre a Gesù l'occasione per dirimere una questione sempre attuale e assai delicata: il corretto rapporto tra la sfera dello spirituale (Dio uomo) e la sfera del temporale (cittadino-Stato, politica economia). Ecco la risposta di Gesù: ‘Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio’. Come dire: la Chiesa non deve occuparsi di cose temporali, né lo Stato deve interferire nelle cose spirituali o di coscienza. Oggi siamo ancora alla ricerca di un difficile equilibrio fra laicità e laicismo, fra religione e libertà di coscienza, fra fondamentalismo e fanatismo.

Continua

Tags:

Ventottesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 8 October 2014

verdeAmico, come hai potuto essere qui senza l'abito nuziale?    

Letture: Isaia 25, 6 10; Filippesi 4, 12-14.19 20; Matteo 22, 1 14.                      

1 - Tutti invitati - Nella parabola evangelica il padre dello sposo ‘forza’ affettuosamente tutti ad entrare. Ma non tutti apprezzano l'invito perché sono troppo indaffarati nelle cose della terra, nei loro affari personali. In effetti, la vita presenta a chiunque innumerevoli occasioni di prender parte a tutte le possibili esperienze positive. Si tratta anche di saper cogliere le occasioni al volo. Questa è già una prima risposta a chi si lamenta sempre di essere un escluso e dà la colpa a Dio dei propri fallimenti.

Continua

Tags:

Ventisettesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 1 October 2014

verdeVi sarà tolto il Regno di Dio e sarà dato a un popolo che lo farà fruttificare.    

Letture: Isaia 5, 1 7; Filippesi 4, 6 9; Matteo 21, 33 43.                      

1 - La vigna del Signore - Nel disegno di Dio tutta l'umanità, in Adamo e Eva, era chiamata ad essere sua vigna, sua famiglia. Il primo peccato dei progenitori ha come risposta da parte di Dio, non una condanna esclusiva con la cacciata dal paradiso terrestre, ma una nuova riabilitazione e una nuova chiamata, che si concretizza storicamente in Abramo, e quindi nel popolo di Israele. Quando poi gli ebrei rispondono con una incredibile infedeltà all'amore di Dio crocifiggendo suo Figlio, Egli, in Gesù Cristo, elegge sua vigna tutta l'umanità che accoglie 1a salvezza. Oggi tocca a noi dire: ‘Da te più non ci allontaneremo, ci farai vivere e invocheremo il tuo nome’ (Salmo 79).

Continua

Tags:

Ventiseiesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 26 September 2014

verdeI pubblicani e le prostitute vi precederanno nel Regno di Dio.    

Letture: Ezechiele 18, 25 28; Filippesi 2, 1 11; Matteo 21, 28 32.                      

1 - Ezechiele – Questo sacerdote del tempio è il profeta che provoca peccatori e credenti con una sfida: ‘Non è retta la mia condotta - dice il Signore - o non è retta la vostra? Se l'ingiusto desiste dalla sua ingiustizia, egli fa vivere se stesso’. Ecco la vera ragione che deve convincerci alla conversione: la salvezza è dono di Dio, ma è anche nelle nostre mani. Ciascuno è un po’ salvatore di se stesso! Lo esprime bene S. Agostino: ‘Chi ti ha creato senza di te, non ti salverà senza di te’.

Continua

Tags:

1 2 3 4 5 6