Al caminetto con la Parola di Dio

Questa rubrica raccoglie alcune riflessioni sulla Parola di Dio festiva, preparate comunitariamente ogni settimana. Il sussidio vuole rispondere a una duplice esigenza, avvertita ormai da tutti: a) giungere all'ascolto della Parola di Dio della messa festiva avendola già meditata in modo serio e approfondito; b) adeguare sempre meglio l'omelia o la catechesi alla sensibilità e alle situazioni concrete dei fedeli. Il cammino compiuto da ormai quarant’anni ha dimostrato che tale metodo anche se non è l'unico o l'ottimo migliora la qualità e i contenuti dell'omelia. Così esso diventa un prezioso servizio che i laici offrono al sacerdote e il sacerdote offre alla comunità dei fedeli. Dopo questa esperienza in gruppo, si è sentita l'esigenza di offrire anche una "traccia" scritta perché la riflessione continui durante la settimana in famiglia. Ora il testo è disponibile attraverso internet: il nuovo ‘caminetto’, ove la famiglia può riunirsi attorno al fuoco dello Spirito Santo. Accogliamo l’invito della Chiesa preparando un cuore ben disposto all'ascolto vivo e vissuto della Parola di Dio.

Viewing entries tagged with 'Anno C 2013'

Quinta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 9 April 2013

gialloVi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri

Letture: Atti 14,20-26; Apocalisse 21,1-5; Giovanni 13,31-33.34-35.

1 - Nuovo cielo e nuova terra - La Risurrezione è dunque l'inizio di una nuova vita sulla terra, radicalmente diversa dal modello pagano, in cui l’uomo praticamente elimina Dio e ne prende il posto, ma poi adora le creature piuttosto che il Creatore. In tal modo l'uomo è ricondotto alle sue vere origini e alla fonte piena della vita umana, in comunione totale di amore con Dio e l'umanità. L’apostolo Giovanni esprime questa realtà con la visione della sposa adorna per il suo sposo: ‘Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Egli dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo,ed egli sarà il Dio-con-loro’.

Continua

Tags:

Quarta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 9 April 2013

gialloLe mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna

Letture: Atti 13,14.43-52; Apocalisse 7,9.14-17; Giovanni 10,27-30.

1 - Il buon Pastore - Gesù è colui che ha la missione di‘pascere’ tutti gli uomini, cioè di salvarli dal male: li nutre a forza di verità e di amore, li raduna in una sola famiglia e li guida alla vita eterna. Chi sono le pecore di Gesù? Dice Agostino: ‘Le sue pecore sono quelli che credono, che seguono il loro pastore, che non disprezzano il loro redentore, che entrano per la porta e ne escono trovando il pascolo della verità e partecipano alla vita eterna’. In questo assomigliano già a Lui, l’agnello immolato per salvare il mondo: ‘Ecco l’Agnello di Dio, che toglie portando su di sé il peccato del mondo’ (S. Giovanni Battista).

Continua

Tags:

Terza Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 9 April 2013

gialloSimone di Giovanni, mi ami tu? Certo, Signore, tu sai che io ti amo!

Letture: Atti 5,27-32.40-41; Apocalisse 5,11-14; Giovanni 21,1-19.

1 - È il Signore! - Il Vangelo di Giovanni ci racconta la terza apparizione di Gesù agli apostoli, mentre pescavano sul lago di Cafarnao. Quando Gesù si manifesta loro, nessuno gli chiede più: Chi sei? poiché sanno bene che è Lui. Ormai si sono abituati con naturalezza a vedere Gesù in mezzo a loro, che condivide ogni aspetto della loro vita quotidiana. Accade questo anche a noi? Ci accorgiamo e ci sorprendiamo che Gesù è continuamente nella nostra vita: nelle pieghe del cuore, nei pensieri della mente, nelle decisioni della volontà; e poi in casa, a scuola, in fabbrica, in ufficio, in negozio, per la strada, in chi soffre?

Continua

Tags:

Seconda Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 2 April 2013

gialloBeati quelli che, pur non avendo visto, crederanno

Letture: Atti 5,12-16; Apocalisse 1,...17-19; Giovanni 20,19-31

1 - La Pasqua continua - Sarebbe poca cosa celebrare la Pasqua per un giorno solo, ricordando semplicemente il fatto storico della risurrezione di Gesù da morte. Ogni Pasqua deve essere celebrazione del mistero di Cristo vivo e risorto, continuamente presente in mezzo agli uomini. Per questo gli Atti degli Apostoli ci dicono che anche ‘quando Pietro passava, bastava che la sua ombra coprisse qualche ammalato perché guarisse’. In ogni cristiano di fatto passa e agisce Cristo, e si vorrebbe avvertire il passaggio potente del Signore fra noi!

Continua

Tags:

Solennità di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 25 March 2013

gialloCristo nostra Pasqua è immolato: facciamo festa nel Signore!

Letture: Atti 10,34.37-43; Colossesi 3,1-4; Giovanni 20,1-9.

1 - Al sepolcro - Un gruppo di donne sale, di buon mattino, alla tomba di Gesù. Portano con sé gli aromi per completare l’imbalsamazione del suo corpo, ma si chiedono: chi ci aprirà la pesante pietra tombale? Esse non prevedono che dovranno superare anche i controlli delle guardie e infrangere i sigilli apposti dal sinedrio sul sepolcro per giungere fino ad un morto... Ma trovano una scena del tutto diversa: il sepolcro è aperto, non c’è più traccia di guardie. Scorgono anche un angelo che annuncia dall’interno: ‘Cristo è risorto, non è qui’! Tornano allora per dare l’annuncio a Pietro e Giovanni, i quali si muovono per andare a controllare: scorgono il sudario e le bende ben ricomposte a capo e piedi della lastra tombale; non possono, dunque, degli ipotetici ladri – come sostiene la Maddalena - avere rubato il Signore. Di fronte a tanta evidenza risorge la fede di Giovanni, testimone oculare della morte e sepoltura di Gesù: ‘Egli vide e credette’! 

Continua

Tags:

Domenica delle Palme

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 19 March 2013

rossoGloria a te che vieni, pieno di bontà e di misericordia!

Letture: Isaia 50,4-7; Filippesi 2,6-11; Luca 22,14-23,56.

1 - La chiave di lettura – Oggi Gesù ci spiega chi è e che cosa pensa della vita. Le sue parole sono ancor più solenni e indicative perché le pronuncia per l’ultima volta nell’imminenza della sua passione e morte. Egli è pienamente cosciente di affermare una verità assolutamente al di fuori della portata umana, quindi introduce il discorso invitandoci a osservare la legge fondamentale di comportamento del creato: ‘Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la sua vita la perde, e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuol servire prenda la sua croce e mi segua’(Gv.12,24). Questa parola esprime perfettamente la natura della vita secondo Dio e perché Dio ce l’ha data. Essa è soltanto un dono di Dio, non è proprietà privata ed esclusiva di ciascuno; quindi, come tale, appartiene a tutti e deve essere offerta per tutti: PERDERSI ossia ‘darsi per’, cioè donarsi per amore agli altri. La concezione opposta, quella del mondo, sostiene invece che la vita è PRENDERSI, amarsi egoisticamente senza dare nulla agli altri. Ora, se accettiamo questo principio, accettiamo tutto il Vangelo; se lo rifiutiamo, rifiutiamo tutto il Vangelo. Ma questa è l'unica via di salvezza! Qui sta la vera sfida tra cristianesimo e la cultura del mondo, che si gioca da duemila anni. La storia a chi dà ragione?

Continua

Tags:

Quinta Domenica di Quaresima

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 12 March 2013

violaChi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra su di lei

Letture: Isaia 43,16-21; Filippesi 3,8-14; Giovanni 8,1-11.

1 - L'adultera - L'episodio dell'adultera contiene due lezioni molto importanti: a) Gesù è la misericordia di Dio in persona, pronto a perdonare chiunque dimostri di essere disposto a non peccare più; b) Gli uomini devono smetterla di condannarsi a vicenda perché nessuno è impeccabile, tutti hanno peccato e possono peccare in avvenire: Chi di voi è senza peccato, scagli la prima pietra (Vangelo). E prima di tutto, per poter condannare il prossimo, è necessaria sia l’autorità di giudicare in nome di Dio sia la capacità di conoscere le intenzioni di chi ha commesso un fatto. Tutte cose, queste, che sono di esclusiva competenza di Dio.

Continua

Tags:

Quarta Domenica di Quaresima

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 6 March 2013

violaVi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio

Letture: Giosué 5,9.10-12; Corinzi 5,17-21; Luca 15,1-3.11-32

1 - Rallegrati Gerusalemme - La liturgia odierna esulta di gioia perché l'umanità è stata liberata dalla ‘infamia di Egitto’, cioè dalla stessa condizione servile in cui si trovava il popolo ebraico prima della liberazione: senza patria e famiglia, senza padre e senza fratelli. Il peccato produce un effetto spirituale equivalente: ci rende schiavi della passioni proprie e altrui. Ma il Signore ‘è vicino a chi lo cerca, lo libera da tutte le angosce’, quindi ci restituisce libertà e gioia vera.

Continua

Tags:

Terza Domenica di Quaresima

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 26 February 2013

violaSe non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo

Letture: Esodo 3,1-8.13-15; Corinzi 10,10-12; Luca 13,1-9.

1 - Il roveto ardente - La Quaresima ci porta come Mosè a un passo da Dio. Nella nostra coscienza o nel cuore, divenuto il nostro roveto ardente, siamo sempre a tu per tu con la santità divina del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo. Anche noi ci sentiamo come Mosè piccoli, piccoli di fronte all'Io-sono-colui-che-sono; ma al tempo stesso siamo commossi e vinti dinanzi a tanta benevolenza di Colui che si china su di noi: ‘Togliti i sandali dai piedi, perché il luogo sul quale stai è una terra santa’. Questa terra santa è proprio il nostro cuore, ove Dio si compiace di abitare per sempre come nel suo tempio santo. Prendiamo allora coscienza che l'amore di Dio è stato diffuso nei nostri cuori per trasformarci in qualcosa di divinamente santo. Questo amore, come il fuoco del roveto ardente, brucia senza estinguersi mai più.

Continua

Tags:

Seconda Domenica di Quaresima

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 20 February 2013

violaCristo ci trasfigurerà nel suo corpo glorioso

Letture: Genesi 15,..17-18; Filippesi 3,17-4,1; Luca 9,28-36.

1 - Il contesto - Il fatto della Trasfigurazione è un intermezzo pasquale, collocato sapientemente fra due annunci della passione e morte di Gesù: non è quindi esibizione di un trionfalismo terreno, ma annuncio dell'umiliazione suprema di Gesù: passione di croce, morte, risurrezione. La vera gloria di Cristo è il sacrificio della sua vita infinita perché l'uomo si salvi e risorga definitivamente dal male.

Continua

Tags:

1 2 3 4 5 6