Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 19 April 2014

biancoSe siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù.    

Letture: Atti 10,34.37 43; Colossesi 3,1 4; Giovanni 20,1 9.                      

1 - Il sepolcro vuoto - Simon Pietro e Giovanni corrono al sepolcro la mattina di Pasqua e vi entrano per primi: lo trovano vuoto, ma notano la sindone e le bende, usate per la sepoltura di Gesù, poste con cura ai lati del letto tombale. Per Giovanni è ‘il segno’ lasciato da Gesù risorto: ‘egli vide e credette’! Anche oggi il segno non cambia: il sepolcro vuoto di Gesù è la prova che Egli è risorto ed è vivente in mezzo a noi. Tutto il creato è scosso da un nuovo fremito di vita divina: la morte è definitivamente vinta.

2 - Vita nuova - La risurrezione di Gesù non riguarda soltanto il ritorno alla vita del suo corpo, ma è la vittoria definitiva sulle cause che hanno introdotto la morte nel mondo. Ecco il senso centrale della Pasqua cristiana: l'uomo risorge dal male e, per grazia di Gesù, non morirà più nello spirito! Per questo Gesù dona agli apostoli, riuniti la sera di Pasqua nel cenacolo, il potere di far risorgere i morti nel peccato: ‘Ricevete lo Spirito Santo. A coloro ai quali rimetterete i peccati saranno rimessi, a coloro ai quali li riterrete saranno ritenuti’.

3 - Il mio momento - La grazia pasquale del Risorto è già pronta anche per me, per ciascuno, per tutti... Allora, perché rimandare l'appuntamento con la misericordia di Dio? Perché continuare a dire che non ce la faccio a spezzare i legami con il peccato o con situazioni di stallo? ‘Fratelli - dice Paolo - se siete risorti con Cristo (nel battesimo), cercate le cose di lassù, pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra. Voi infatti siete morti e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio’.

4 - Sono sempre con voi - Il secondo aspetto del mistero pasquale, vissuto profondamente nelle comunità dei primi secoli, è la continuità della presenza di Cristo in mezzo a noi. Cristo risorto riempie il mio cuore e la mia vita; è nella mia casa, in ufficio, in fabbrica, guida il cammino dell'umanità e anima tutte le comunità ecclesiali! Io non sono mai solo a lottare e sperare: Cristo risorto è un tutt’uno con me.

5 - Punti concreti - La risurrezione ha dei nomi ben precisi ed è una meta da raggiungere nella sua totale realizzazione. Essa è pace (vittoria sulla guerra), giustizia (vittoria contro la sopraffazione dei diritti e l'egoismo), condivisione (vittoria sugli sperperi che affamano una parte dell'umanità), unità (vittoria sull’invidia, le contese, le discriminazioni), speranza (vittoria sulle debolezze, dubbi, scoraggiamenti). Ecco i punti concreti della Pasqua, che dura perennemente e trasforma il mondo in un unico ‘giorno ottavo’.

Tags: