Quinta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 15 May 2014

biancoIo sono la via, la verità, la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo mio. Io sono nel Padre e il Padre è in me.    

Letture: Atti 6,1 7; Pietro 2,4 9; Giovanni 14,1 12.                      

1 - I1 commiato - Gesù si congeda dagli apostoli, prima di morire e nell'imminenza dell'ascensione al cielo, assicurandoli però che sarà più che mai presente con loro in questa vita terrena. Infatti dice: ‘Non si turbi il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e anche in me. Io vado a prepararvi un posto. Ritornerò un giorno e vi prenderò per sempre con me’. Se la terra è stata la dimora del Figlio di Dio tra gli uomini, adesso il cielo diventerà la nuova dimora stabile degli uomini con il loro Dio, Padre e Salvatore. Ecco come prega Agostino in questo particolare clima spirituale, ove è sempre presente l’imminenza dell’ascensione al cielo: ‘Signore, prepara noi per te; ma prepara anche te per noi, preparandoti il posto in noi e preparando a noi il posto in te’. Tutta la vita terrena è davvero un’intensa ascensione mistica verso Dio.

2 - Pietre vive – Anche l’apostolo Pietro fa la stessa raccomandazione: ‘Stringendovi a Cristo, pietra viva rigettata dagli uomini, anche voi siete impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale, per un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali’. Noi dunque prendiamo in qualche modo il posto di Gesù, contribuendo a dare compattezza spirituale al suo corpo, che è la Chiesa intera! In fondo, compiamo le sue stesse opere: partecipiamo al sacerdozio di Gesù. Ecco gli apostoli, i diaconi, i ministeri innumerevoli dei laici, concernenti tutte le manifestazioni dell'amore a Dio e ai fratelli… Chiediamoci allora: Io sono una pietra viva nell’edificio di Gesù? Il mio posto nella comunità è occupato o vuoto?

3 - La Pietra viva – Con questa affermazione Gesù vuol dirci che Lui è tutto nella nostra esistenza: ‘Io sono la via, la verità, la vita’. Ci ha proposto insomma il modello della sua vita: Egli è prima di tutto la strada stretta dell'umiltà, povertà, rinnegamento del proprio egoismo, conversione del cuore a Dio e ai fratelli, croce del dono totale di sé; poi ci propone come metodo l'amore, non l'odio e la violenza. In secondo luogo Egli con il suo insegnamento, consegnato nel libro della sua Parola, è la nostra verità che rivela la volontà del Padre ed è il mistero rivelato della vita eterna. Infine è veramente la nostra Vita: Pane vivo disceso dal cielo, che dà forza in ogni momento della giornata, e viatico che vincerà la nostra morte.

4 - Le opere più grandi – ‘Chi crede in me – prosegue Gesù - compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi’. Se l'opera di Gesù è la salvezza, offerta a tutti gli uomini, le opere più grandi sono la salvezza, portata a termine in tutti gli uomini. Ma sarà sempre Lui questa volta per mezzo dello Spirito Santo e insieme a tutti noi a compiere l’opera più grande: ‘che tutti siano una cosa sola e il mondo creda’.

Tags: