Al caminetto con la Parola di Dio

Questa rubrica raccoglie alcune riflessioni sulla Parola di Dio festiva, preparate comunitariamente ogni settimana. Il sussidio vuole rispondere a una duplice esigenza, avvertita ormai da tutti: a) giungere all'ascolto della Parola di Dio della messa festiva avendola già meditata in modo serio e approfondito; b) adeguare sempre meglio l'omelia o la catechesi alla sensibilità e alle situazioni concrete dei fedeli. Il cammino compiuto da ormai quarant’anni ha dimostrato che tale metodo anche se non è l'unico o l'ottimo migliora la qualità e i contenuti dell'omelia. Così esso diventa un prezioso servizio che i laici offrono al sacerdote e il sacerdote offre alla comunità dei fedeli. Dopo questa esperienza in gruppo, si è sentita l'esigenza di offrire anche una "traccia" scritta perché la riflessione continui durante la settimana in famiglia. Ora il testo è disponibile attraverso internet: il nuovo ‘caminetto’, ove la famiglia può riunirsi attorno al fuoco dello Spirito Santo. Accogliamo l’invito della Chiesa preparando un cuore ben disposto all'ascolto vivo e vissuto della Parola di Dio.

Viewing entries tagged with 'Anno B 2021'

Quindicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 10 July 2021

verdeLi mandò a due a due e diede loro potere sugli spiriti immondi

Letture: Amos 7, 12‑15; Efesini 1, 3‑14; Marco 6, 7-13.

1 ‑ Un certo Amos ‑ La storia di Israele si può sintetizzare così: Dio che salva il suo popolo. Egli ama servirsi di uomini assolutamente normali, chiamati da Lui al ministero di profeti, sacerdoti, re o semplici fedeli. Uno dei tanti è appunto il profeta Amos, di professione guardiano di buoi, che si presenta così: ‘Non ero profeta, né figlio di profeta; ero un pastore e raccoglitore di sicomori (fichi selvatici); il Signore mi prese mentre conducevo il bestiame e mi disse: Va’, profetizza al popolo di Israele’. Come dire: chi fa tutto è sempre il Signore. Nelle mani di Dio la debolezza diventa forza, l’ignoranza sapienza. Lo spiega anche molto bene Paolo: ‘ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini’ (Lettera ai Corinzi). Il profeta è ben conscio che deve solo essere uno strumento docile nelle mani di Dio.

Continua

Tags:

Quattordicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 3 July 2021

verdeUn profeta non è disprezzato che nella sua patria

Letture: Ezechiele 2, 2‑5; 2 Corinzi 12, 7‑10; Marco 6, 1‑6.

1 ‑ Una genia di ribelli ‑ Il profeta Ezechiele è inviato al popolo di Israele, che sta pagando duramente la sua infedeltà alla legge di Dio con l'esilio di Babilonia, perché si ravveda finalmente e torni alla fedeltà verso il suo Signore. Anche Dio sembra scettico sulla possibilità di farsi ascoltare e ubbidire dal suo popolo: ‘Ascoltino o non ascoltino ‑ perché sono una genìa di ribelli ‑ sapranno almeno che un profeta si trova in mezzo a loro’. Per questo il profeta Ezechiele è deportato: per essere in mezzo a loro come testimone di misericordia, di conversione, di salvezza rinnovata. Anche oggi la Chiesa è ‘deportata’ in mezzo all’umanità per rendere possibile a tutti la salvezza.

Continua

Tags:

Tredicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 26 June 2021

verdeNon temere, continua solo ad aver fede!

Letture: Sapienza 1, 13-15. 2, 23-24;  2 Corinzi 8, 7-9.13-15; Marco 5, 21-43.

1 - Vita e morte - Inizia una riflessione profonda su questo tema fondamentale per ogni uomo di ogni tempo. Essa è guidata dall’ultimo libro sapienziale del Vecchio Testamento: la Sapienza. L’autore loda subito il Dio della vita: ‘Egli ha creato tutto per l’esistenza, le creature del mondo sono sane, in esse non c’è veleno di morte’. Infatti ogni essere, in quanto tale, è un bene di Dio; il male invece non può che essere frutto delle volontà umane, quindi è privazione del bene. L’uomo è stato creato per l’immortalità, ad immagine dell’immortale giustizia di Dio. Perché allora la morte? Risponde la Sapienza: ‘La morte è entrata nel mondo per invidia del diavolo e ne fanno esperienza coloro che gli appartengono’. La morte è il frutto finale di una scelta sbagliata dell’uomo e dell’angelo.

Continua

Tags:

Dodicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 19 June 2021

verdeChi è costui, al quale anche il vento e il mare obbediscono?

Letture: Giobbe 38, 1.8-11; 2 Corinzi 5, 14‑17; Marco 4, 35‑41.

1 ‑ Il mare ‑ Esso è una stupenda creatura di Dio, segno di potenza vivificante, di sconfinata grandezza, di abissale profondità. Proprio come è Dio! Contemplando questa meraviglia della creazione, il nostro sguardo si affaccia sull'infinito di Dio, sull’inesorabile trascorrere e rifluire del tempo, sul fiume delle miserie umane che vengono medicate e restituite a vita nuova, sul pianto e sulle tragedie dell'uomo... La lettura di Giobbe sembra alludere a tutto ciò, quando ricorda che Dio ha fissato un preciso limite al mare della creazione e del male: ‘Fin qui giungerai e non oltre, e qui si infrangerà l'orgoglio delle tue onde’. Questo mare del mondo è simbolo di tutto il male, che cerca di travolgere il bene; ma esso si infrange contro la sapiente e misericordiosa Provvidenza divina, che si serve anche del male per realizzare un bene maggiore.

Continua

Tags:

Undicesima Domenica fra l'anno

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 12 June 2021

verdeIl Regno di Dio è il più piccolo dei semi, ma diventa l’albero più grande

Letture: Ezechiele 17, 22-24; 2 Corinzi 5, 6-10; Marco 4, 26-34.

1 ‑ Due parabole ‑ Un uomo getta il seme nel solco, la madre terra produce il miracolo; pochi giorni dopo, ecco lo stelo e poi la spiga. Fra tutti i semi, il granellino di senapa è il più piccolo, ma diventa tanto grande che gli uccelli possono ripararsi alla sua ombra... Due mini‑parabole per cogliere due caratteristiche del Regno di Dio nel suo sorgere e nel suo perfezionarsi. Sembra che l’uomo faccia tutto; in realtà è Dio che produce il seme e lo fa fruttificare, anche senza intervento umano o contro ogni avversità. Questo è quanto avviene nel campo della natura. Invece nel campo della grazia il seme di Dio è lo Spirito dell'amore: non più che una cellula di Vita divina nel cuore di ogni uomo, che però nel tempo diventa un unico grande albero, cioè la Chiesa, la famiglia universale che incorpora tutti gli uomini.

Continua

Tags:

Solennità del Corpo e Sangue di Cristo

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 5 June 2021

gialloPrendete, questo è il mio corpo e il mio sangue

Letture: Esodo 24, 3-8; Ebrei 9, 11-15; Marco 14, 12-16; 22-26.

1 - Sacrificio di ringraziamento - L’Eucaristia è il sacramento della riconoscenza illimitata dell’uomo al suo Signore, soprattutto per l’opera della salvezza: ‘Cristo, venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, attraverso un Tenda più grande e più perfetta, non costruita da mani di uomo, non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue entrò una volta per sempre nel santuario, procurandoci una redenzione eterna’ (Lettera agli Ebrei). L’Eucaristia è la somma di tutti i beni messianici, presenti e futuri, di cui ringraziamo perennemente Dio.

Continua

Tags:

Solennità della SS. Trinità

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 29 May 2021

gialloGloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo

Letture: Deuteronomio 4, 32-34;39-40; Romani 8, 14-17; Matteo 28, 16-20.

1 - Gloria! - Oggi celebriamo tutti i doni di Dio che hanno origine e fondamento nella SS. Trinità: la vita dal Padre, la redenzione dal Figlio, la consumazione nella perfezione infinita di Dio dallo Spirito Santo. Diciamo quindi ‘grazie’ soprattutto per la incessante e crescente rivelazione-comunicazione di vita, di verità, di amore e di unità: ‘Dal giorno in cui Dio creò l’uomo sulla terra vi fu mai cosa più grande di questa? Che cioè un popolo abbia udito la voce di Dio parlare nel fuoco’ (Deuteronomio)? Questa epifania della Trinità inizia fin dalla creazione e si sviluppa in Abramo, Mosè e i profeti, fino a raggiungere il suo culmine con l’incarnazione del Verbo di Dio fatto uomo e con la discesa dello Spirito Santo nella santa Chiesa. Un crescendo che non finirà mai più.

Continua

Tags:

Solennità di Pentecoste

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 22 May 2021

rossoFurono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare

Letture: Atti 2, 1-11; Galati 5, 16-25; Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

1 - La nuova creazione - Nel giorno di Pentecoste, festa dei doni del cielo e della terra, Gesù mantiene la promessa: invia lo Spirito Santo, Amore del Padre e del Figlio, pienezza di vita divina donata ai credenti. La Pentecoste è il primo giorno di una nuova creazione: gli uomini sono chiamati a vivere fin d’ora la stessa vita di Dio. Ora, l’amore di Dio è la sua stessa natura, quindi è anche la vita dello spirito umano, fatto ad immagine di Dio: ‘Se togli loro lo spirito, muoiono e ritornano nella loro polvere. Mandi il tuo spirito, sono creati e rinnovi la faccia della terra’ (Salmo 103).

Continua

Tags:

Ascensione del Signore

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 16 May 2021

gialloEssi partirono e predicarono dappertutto; il Signore era con loro

Letture: Atti 1, 1-11; Efesini 4, 1-13; Marco 16, 15-20.

1 - L’Ascensione - La festa odierna racchiude un messaggio bellissimo e consolante: la vita sulla terra si conclude con l’ascensione al cielo. Questo vale per Gesù e vale per noi, risorti con Lui a vita nuova. La nostra patria definitiva è il cielo, non il cimitero ove sostiamo solo con il corpo per un tempo determinato. Per ore Gesù ci precede nella casa del Padre comune e ci attende lassù, ma intanto resta con noi per portarci con Sé. Infatti dice agli apostoli nell’ultima cena: ‘Vado a prepararvi un posto’; cioè: ‘Vi porto con me nel cielo spiritualmente e continuerò ad essere sempre con voi sulla terra’. Quindi noi, in Gesù, siamo già fin d’ora, di diritto e di fatto, nella speranza e nella realtà, in comunione di vita eterna con la SS. Trinità e con tutta la popolazione celeste: Maria. gli Angeli e i Santi.

Continua

Tags:

Sesta Domenica di Pasqua

Posted by Padre Eugenio Cavallari on 8 May 2021

gialloCome il Padre ha amato me, così amatevi gli uni gli altri

Letture: Atti 10, 25-27. 34-35.44-48; I Giovanni 4, 7-10; Giovanni 15, 9-17.

1 - Come...così - Siamo ancora nel cenacolo dell’ultima Cena per ascoltare il passo più sublime del discorso di Gesù: ‘Come il Padre ha amato me, così amatevi gli uni gli altri’. Adesso entriamo nel fondo del mistero inaccessibile di Dio: Gesù ci ha amati con la stessa intensità con cui il Padre lo ha amato. Sembrerebbe incredibile se non fosse stato Lui a rivelarcelo. E questo amore comune del Padre e del Figlio, donato a noi, è proprio lo Spirito Santo, forza divina di amare tutti! Il ‘come’ dell’amore di Dio diventa il ‘così’ dell’amore umano!

Continua

Tags:

1 2 3 4 5 6